Lettera della Confesercenti al Sindaco di Russi: “Contrari al nuovo Supermercato. Metterà in ginocchio le piccole attività”

Inserito da Redazione. Nella sezione Comunicati Stampa, Economia

Tagged: , , ,

lo-scaffale-di-un-supermercato

Pubblicato: agosto 12, 2017 - Commenta

12/08/2017 – Con una Lettera aperta al Sindaco di Russi, Sergio Retini, la Confesercenti Ravenna commenta la notizia  di un nuovo supermercato in arrivo in città “Supermercato di cui non si sente proprio la necessità, tanto più per le tendenze dei consumi ancora instabili e per le aziende che continuano a calare e a chiudere”  dichiarano dagli uffici di Piazza Bernini.

“Caro Sindaco Retini,
abbiamo appreso dalla stampa in modo del tutto inaspettato la decisione dell’Amministrazione di Russi circa il via libera alla costruzione di un nuovo supermercato in città.
Nei rapporti intercorsi in questi anni sin dall’inizio del Suo mandato c’è stata piena collaborazione e disponibilità della nostra Associazione al confronto sui temi rilevanti per il benessere dell’economia russiana: dai lavori pubblici alla raccolta differenziata, passando per le iniziative di valorizzazione socio-culturale che hanno ripercussioni notevoli sulle piccole imprese, sono sempre stati argomenti condivisi in Tavoli di lavoro dentro e fuori gli uffici comunali.
Come Associazione a tutela della piccola e media imprenditoria, non possiamo che prendere atto di una decisione volutamente non condivisa con la rappresentanza economica ed il nostro sguardo ora si rivolge alla Russi dal 2018 in poi: le imprese del territorio, dal centro storico alle frazioni, avranno ora l’ennesima struttura di Grande Distribuzione Organizzata a minare la già fragile filiera commerciale di una piccola realtà come quella russiana.
Pensiamo ai negozi, ai bar e ristoranti del centro storico e soprattutto alle imprese del Mercato Coperto che più di tutte le altre soffriranno di questa nuova apertura pienamente appoggiata dall’Amministrazione.
Dopo l’esperienza Mercatone Uno, dopo una media struttura Gdo in centro storico e l’estrema vicinanza agli ipermercati di Faenza e Ravenna, la Confesercenti crede fermamente che non fosse imprescindibile l’apertura di una nuova struttura con quelle caratteristiche.
Rispetto al numero di abitanti di Russi (circa 12.200) crediamo che le strutture di Gdo presenti sul territorio comunale fossero più che sufficienti a servire le necessità della popolazione: la nuova apertura prevista per il 2018 non farà altro che frammentare la clientela, attirata da un (così pare) discount che per le sue caratteristiche metterà in difficoltà seriamente tutto il commercio cittadino.
Non ce ne voglia Sindaco Retini, se ci fa dubitare la posta in cambio all’apertura di questa struttura: una nuova piazza antistante la biblioteca a servizio della cittadinanza non può essere sostitutiva di una politica volta alla valorizzazione del centro storico di Russi.
La biblioteca di Russi fornisce un servizio fondamentale alla cittadinanza in uno spazio che ha perfettamente mantenuto la storia del suo passato e si è integrato con la sua funzione di aggregatore sociale, soprattutto per i giovani del paese, attraverso servizi ed iniziative di livello.
La “porta d’accesso” alla biblioteca di Russi sarà un supermercato discount: neanche nelle città più avanzate dal punto di vista urbanistico si vedono prospettive di questo genere, con palesi inversioni di tendenza ormai in atto da un decennio in tutta Europa per spostare le grandi strutture nelle zone industriali e comunque fuori dal perimetro cittadino.

Si dice che in Italia arriviamo a “scoppio ritardato” rispetto all’Europa, implementando azioni e politiche già vecchie e miopi rispetto ai tempi che corrono e si evolvono in fretta: in questo caso specifico, è mancato un processo di condivisione con le imprese e le parti sociali che avrebbe potuto generare idee e prospettive differenti, per una Russi del futuro che non vogliamo vedere desertificata.
L’intento della presente è esprimere innanzitutto il rammarico per la mancata informazione e la non condivisione del progetto, precludendo così qualsiasi discussione e, chissà, la condivisione di idee ed alternative, ma anche una forte preoccupazione rispetto al futuro del già minato piccolo mondo del commercio e sevizi di Russi perché dove c’è un commercio vivo e sostenibile, i piccoli centri resistono e qui, dobbiamo constatarlo, si sta facendo di tutto per impedirne la sopravvivenza.
Un saluto, sinceramente amareggiato”

Commenta

Non ci sono commenti su Lettera della Confesercenti al Sindaco di Russi: “Contrari al nuovo Supermercato. Metterà in ginocchio le piccole attività”. Vuoi inserire un tuo commento?

Lascia un commento