Ritrovato germano reale trafitto da un dardo da balestra

Inserito da Redazione. Nella sezione Comunicati Stampa, Cronaca, Evidenza

Tagged: , , , , ,

germano

Pubblicato: ottobre 30, 2017 - 2 Commenti

30/10/2017 – Un germano reale è stato ritrovato nel pomeriggio di sabato a Riolo Terme trafitto da un dardo di una balestra. L’animale si trovava nel torrente Senio, è stato visto nuotare con difficoltà e appena ci si è accorti della ferita sono state chiamate le forze dell’ordine. Per recuperare il volatile sono intervenuti i vigili del fuoco mentre da Ravenna sono stati fatti arrivare i volontari dell’associazione Amici degli Animali, specializzati nel recupero di animali selvatici feriti. Il germano, trafitto da parte a parte, è subito apparso in pessime condizioni ed è stato quindi ricoverato in una clinica veterinaria di Russi, coordinata dal dott. Matteo Galliani, responsabile sanitario del servizio ambulanze veterinarie dell’Associazione Amici degli Animali e del Centro di Recupero Avifauna Selvatici per quanto riguarda i mammiferi, ungulati. Il germano è tutt’ora sottoposto al monitoraggio medico. Nonostante infatti l’intervento per liberare l’animale dalla freccia sia riuscito, lo stato di salute dell’anatra, un esemplare maschio, rimane ancora critico.
Sebbene il germano reale non sia una specie protetta, la caccia alla balestra è vietata nel nostro Paese, poiché l’arma è ritenuta troppo silenziosa, adatta quindi al bracconaggio, e paragonata ad un maltrattamento sugli animali, siccome raramente in grado di provocare la morte immediata dell’animale ferito, causando quindi dolore inutile

2 Commenti

Ci sono 2 Commenti | Ritrovato germano reale trafitto da un dardo da balestra. Vuoi inserire un tuo commento?

  1. davvero non ho parole… anzi, quelle giuste sono “perdona loro, non sanno ciò che fanno”.
    Sono errori bruttissimi che gettano vergogna su di noi, persino su chi si sforza di rimediare.
    Perdonatemi se sono banale, ma soffro.

  2. Tutto sto casino per un uccello del cazzo, la decadenza di questa società non ha limiti, meritiamo l’estinzione

Lascia un commento